colore diamante

Colore del diamante: tutto quello che c’è da sapere

freccia

Il colore del diamante è un fattore importante che permette di calcolare la corretta stima di una pietra e in grado di spiegare la differenza di un prezzo tra un oggetto e un altro.

I colori più diffusi dei diamanti

Sebbene la regola generale predilige che il colore del diamante vari dal bianco azzurrato al giallastro, è importante sapere che esistono numerose sfumature che vengono comunemente chiamati come fancy colours. Questi si distinguono tra il blu, il giallo, il verde e il marrone.

Quando si tratta di colori le cui sfumature variano dal marrone allo champagne, vuol dire che questi diamanti hanno un valore inferiore e che la loro quotazione varia in base alla funzione della domanda. Il rosa è uno dei colori più apprezzati e ricercati: solitamente il suo valore è inestimabile.

I diamanti tendenti al giallo e al marrone sono quelli ad essere considerati meno quotati, motivo per il quale vengono principalmente utilizzati nell’industria.

Scala di classifica dei colori

È stata creata una scala dei vari colori del diamante in grado di classificare gli stessi. Questa classifica inizia dalla D, la cui lettera sta ad indicare il bianco neve e termina alla lettera Z, indicante il giallo pronunciato.

Come scoprire il colore del diamante

Prima di essere inserito all’interno della scala dei colori, il colore del diamante deve essere stabilito. La procedura è molto semplice: basterà riporre lo stesso su un pezzo di cartoncino bristol completamente bianco, piegato a metà e con l’apice della pietra rivolto verso l’alto in quanto in questa parte il colore è più evidente.

Per completare correttamente l’esame è consigliabile godere della giusta luce, che deve necessariamente essere bianca e fredda e in un ambiente la cui unica illuminazione provenga da quella fonte. Questo esame può essere svolto anche con la luce del giorno: l’importante è che la luce del sole non sia diretta e che il cielo sia limpido.